[vc_row row_height_percent=”0″ override_padding=”yes” h_padding=”2″ top_padding=”2″ bottom_padding=”2″ overlay_alpha=”50″ equal_height=”yes” gutter_size=”4″ column_width_percent=”100″ shift_y=”0″ z_index=”0″ el_class=”inverted-device-order” uncode_shortcode_id=”207823″][vc_column column_width_percent=”100″ gutter_size=”3″ overlay_alpha=”50″ shift_x=”0″ shift_y=”0″ shift_y_down=”0″ z_index=”0″ medium_width=”0″ mobile_width=”0″ width=”1/1″ uncode_shortcode_id=”106657″][vc_custom_heading uncode_shortcode_id=”583985″]Chi sono[/vc_custom_heading][/vc_column][/vc_row][vc_row row_height_percent=”0″ override_padding=”yes” h_padding=”2″ top_padding=”2″ bottom_padding=”2″ overlay_alpha=”50″ equal_height=”yes” gutter_size=”4″ column_width_percent=”100″ shift_y=”0″ z_index=”0″ el_class=”inverted-device-order” uncode_shortcode_id=”385464″][vc_column column_width_use_pixel=”yes” gutter_size=”3″ override_padding=”yes” column_padding=”2″ overlay_alpha=”50″ shift_x=”0″ shift_y=”0″ shift_y_down=”0″ z_index=”0″ medium_width=”0″ align_mobile=”align_center_mobile” mobile_width=”0″ width=”1/3″ column_width_pixel=”528″ uncode_shortcode_id=”939573″][vc_single_image media=”1693″ media_width_percent=”90″ media_ratio=”one-one” alignment=”center” shape=”img-circle” uncode_shortcode_id=”535458″][/vc_column][vc_column column_width_percent=”100″ gutter_size=”2″ overlay_alpha=”50″ shift_x=”0″ shift_y=”0″ shift_y_down=”0″ z_index=”0″ medium_width=”0″ mobile_width=”0″ width=”2/3″ uncode_shortcode_id=”464123″][vc_custom_heading text_color=”accent” heading_semantic=”h3″ text_size=”h3″ uncode_shortcode_id=”158895″ text_color_type=”uncode-palette”]Matteo Polli[/vc_custom_heading][vc_custom_heading text_color=”accent” heading_semantic=”h5″ text_size=”h5″ uncode_shortcode_id=”197242″ text_color_type=”uncode-palette”]eng[/vc_custom_heading][vc_column_text uncode_shortcode_id=”178260″]Nasce a Gorizia nel 1980 e vivendo il mare del Golfo di Trieste fin dai primi mesi di vita sviluppa un grande interesse per questo elemento. Inizia a conoscere il vento sulle derive fin da giovanissimo e i buoni risultati agonistici gli permettono di entrare a far parte della squadra nazionale Laser. Ben presto alla passione per la vela e per le regate si associa l’interesse per gli aspetti tecnici progettuali delle imbarcazioni a vela, decide perciò di frequentare l’Istituto Tecnico Nautico con indirizzo costruttore navale.
Alla Southampton Solent University approfondisce lo studio della fisica e del design degli yachts, laureandosi con il massimo dei voti in Yacht and Powercraft Design e conseguendo il riconoscimento di miglior tesi riguardante la progettazione e la sperimentazione in vasca navale di una nuova concezione di scafo.
Conclusi gli studi, inizia subito l’attività lavorativa e dopo qualche anno di esperienza presso lo studio di progettazione Starkel, nel 2005 viene assunto presso il cantiere 2emmemarine dove ricopre il ruolo di Yacht designer e di supervisore dei processi di costruzione, seguendo il progetto di barche a vela di successo come l’M37 nella sua interezza dal concept alla regata. In questo periodo, con Maurizio Cossutti, ottimizza le prestazioni di numerose barche per le regate a compenso ORC e IRC, maturando molta esperienza e affinando le tecniche progettuali.
Le sue competenze, le capacità e i suoi successi non solo lavorativi, ma anche sportivi, lo pongono in evidenza tanto da ricevere numerose richieste di lavoro e collaborazione. Nel 2011 accetta la proposta di lavorare presso Italia Yachts come chief designer e project manager dove segue la progettazione e la produzione di tutti i modelli della gamma di questo cantiere emergente firmando le linee scafo dell’Italia 15.98, dell’Italia 12.98, dell’Italia 9.98 e dell’11.98.
La passione per le regate e per la fisica della vela lo portano a sviluppare sistemi di analisi delle prestazioni grazie ai quali è possibile ottenere importanti dati ed indicazioni a livello progettuale.
Dal 2010, Matteo collabora con vari team nell’ottimizzazione e nella messa a punto di barche tra cui il team Low Noise che con il suo M37 modificato si laurea campione del mondo per 3 volte e in seguito ritorna sul gradino più alto del podio mondiale con l’Italia 9.98 Low Noise 2.
Nel 2018, inizia la sua attività di progettista indipendente che lo porterà a collaborare con vari cantieri e yacht designers di fama internazionale.[/vc_column_text][vc_empty_space empty_h=”1″][vc_single_image media=”88880″ media_width_percent=”20″ uncode_shortcode_id=”194981″][/vc_column][/vc_row]